La sponsorizzazione nel calcio: le difficoltà per i piccoli club

Il calcio è sempre più commercializzato. Se si vuole avere successo nel gioco professionistico, bisogna essere in grado di commercializzarsi di conseguenza. La sponsorizzazione è il modo principale per generare entrate. Mentre i club più importanti, come il Real Madrid o il Manchester United, fanno la fila per trovare sponsor, le squadre più piccole hanno spesso maggiori difficoltà.

Questo perché quanto più piccola è la base dei tifosi e quanto più basso è il successo sportivo, tanto più basso è il reddito che può essere generato dalle sponsorizzazioni. Negli ultimi anni, i fornitori di giochi d’azzardo online, come le slot online di NetBet, si sono rivelati una vera e propria benedizione sotto mentite spoglie. Essi traggono enormi vantaggi dalle sponsorizzazioni nel calcio, ma questo tipo di pubblicità non è consentito in Italia. Ciononostante, gli affari restano difficili per le piccole squadre.

Il denaro governa il calcio

Fino alla stagione 2009/2010 era impensabile mettere sul piatto circa 100 milioni di euro per il trasferimento di un calciatore. Tuttavia, il Real Madrid ha segnato un’inversione di tendenza con il trasferimento di Cristiano Ronaldo e ha scatenato la corsa al giocatore più costoso. Anche se all’epoca la cifra per il trasferimento di uno dei migliori calciatori al mondo sembrava astronomica, Ronaldo è stato presto detronizzato.

Con Paul Pogba, Neymar e Kylian Mbappé, i top player sono stati acquistati per molto più di 100 milioni di euro. Per capire la tendenza, dobbiamo dare un’occhiata dietro le quinte. Intorno agli anni 2010, i miliardari hanno scoperto le squadre di calcio. Squadre come il PSG e il Manchester City sono state acquistate da individui finanziariamente forti.

I giocatori costosi non erano più un problema e le spese di trasferimento sono generalmente aumentate. Oggi vengono messe sul tavolo somme di 20 milioni di euro e oltre per giocatori promettenti. Questo pone problemi soprattutto alle squadre più piccole.

Infatti, non possono più permettersi di sviluppare da sole i giovani talenti per poi venderli alle squadre più importanti a un prezzo più alto. Al contrario, sempre più giocatori vengono ceduti in prestito. Sebbene le squadre più piccole ne traggano vantaggio in termini di gioco, non ci guadagnano sostanzialmente nulla dal punto di vista finanziario.

I campionati top ne beneficiano

Il calcio europeo ha dei campionati particolarmente emozionanti. Dall’Inghilterra alla Spagna, dalla Germania all’Italia, milioni di persone guardano le rispettive partite di calcio dal vivo o in televisione. Ciò comporta naturalmente un enorme potenziale per le aziende pubblicitarie. Nei campionati più importanti, anche le squadre più piccole possono beneficiare di maggiori introiti da sponsorizzazione.

Tuttavia, ciò diventa problematico nei campionati con un volume di spettatori inferiore. I club svedesi, rumeni e irlandesi, ad esempio, stanno lottando contro l’attuale sviluppo del calcio e hanno difficoltà a mantenersi finanziariamente. Questo perché gli sponsor sovraregionali sono poco interessati a fungere da partner pubblicitari per i club.

La mancanza di risorse finanziarie sta aumentando il divario tra i campionati di vertice e quelli di livello mediocre. Questo potrebbe avere un impatto drammatico sul calcio, soprattutto nei prossimi dieci o quindici anni.

Infatti, già oggi non ci sono quasi più vincitori a sorpresa nelle competizioni internazionali. Di conseguenza, le partite potrebbero diventare ancora più prevedibili e, in alcuni casi, noiose. Se una squadra di vertice è già in vantaggio per 3:0 all’intervallo, la partita è praticamente già decisa.

Con i soldi arriva il successo sportivo

Uno sguardo ai campioni dei vari Paesi dimostra che il successo sportivo è legato al denaro. La Francia, ad esempio, è dominata dal PSG, mentre in Germania il Bayern, il club più ricco, è da anni al vertice. I campioni di serie sono sempre più comuni anche in altri campionati come Austria, Paesi Bassi e Ungheria.

Questo rende il calcio più prevedibile e in definitiva meno interessante per i tifosi neutrali. Tuttavia, esempi ben noti dimostrano che il successo sportivo può essere messo a repentaglio anche da problemi finanziari. La Juventus di Torino e il Barcellona, ad esempio, hanno avuto grossi problemi sportivi negli ultimi anni a causa di difficoltà finanziarie.

Anche il Chelsea FC, dopo la vittoria della Champions League, è andato in rovina e ha dovuto essere venduto. Tutti sanno che il denaro gioca un ruolo molto importante nel calcio. Tuttavia, non c’è traccia di contromisure da parte dei responsabili. La FIFA, in particolare, è accusata di corruzione e di motivazioni finanziarie nell’assegnazione dei tornei.

Poiché i fornitori di scommesse sportive stanno diventando sempre più popolari come sponsor, ma il gioco d’azzardo è visto come un pericolo, di recente c’è stato un piccolo scandalo nella Premier League inglese. I club stessi hanno votato se i fornitori di scommesse sportive dovessero ancora essere autorizzati ad apparire sulle maglie come sponsor, e la risposta è stata un chiaro “no”. Di conseguenza, dal 2026 non ci saranno più sponsor del settore delle scommesse sportive sulle maglie dei club della Premier League.

Alla fine saranno i fan a soffrire?

Quando i club più piccoli, in particolare, non guadagnano più abbastanza dalle sponsorizzazioni, alla fine sono i tifosi a soffrirne. Questo perché i prezzi dei biglietti vengono sempre più aumentati per generare entrate. Di conseguenza, andare allo stadio può diventare un’impresa costosa. Per alcuni club, i possessori di un abbonamento devono già pagare più di 1.000 euro.

Per le famiglie, in particolare, un pomeriggio di 90 minuti allo stadio costa spesso quanto una breve vacanza nel fine settimana. I gruppi di tifosi di numerosi club si stanno sempre più esprimendo contro i prezzi elevati dei biglietti. Il calcio deve rimanere accessibile per mantenere l’atmosfera negli stadi e il fascino di questo sport.

Tuttavia, in molti luoghi i tifosi si oppongono anche ai grandi investitori, come sta accadendo attualmente nella Bundesliga tedesca. Questo perché i tifosi temono che con grandi investitori e molti milioni o miliardi, il calcio diventerà solo più commerciale e i tifosi ne soffriranno alla fine.

Come potrebbe essere un’inversione di tendenza?

Molti sport prevedono già un budget o un tetto salariale. In Formula 1 o nella NFL, ad esempio, l’obiettivo è impedire che una squadra ottenga vantaggi significativi a livello sportivo grazie alle sue risorse finanziarie. Sebbene nel calcio esista un quadro di base, spesso provoca solo stanche risate.

Questo perché il Fair Play Finanziario è stato spesso aggirato. Le infrazioni sono state punite solo in parte e le sanzioni sono state ritirate dopo le pressioni dei dirigenti della Lega. Eppure è proprio qui che serve una linea chiara per riportare il calcio su una strada regolamentata. Se i divieti di trasferimento venissero imposti anche ai club di livello mondiale, si darebbe un segnale chiaro.

Al momento, le sanzioni ammontano “solo” a sei cifre. Tuttavia, se un club può pagare più di 100 milioni di euro per un giocatore, una multa di 300.000 euro viene solitamente pagata dalle casse del club. Sia la FIFA che la UEFA sono chiamate a implementare nuovi cambiamenti nel calcio il più rapidamente possibile.

Altrimenti, l’interesse per lo sport più amato al mondo potrebbe diminuire in modo significativo, un numero sempre maggiore di piccole squadre potrebbe scivolare in una crisi finanziaria e i top club potrebbero vincere ancora più campionati.

Post correlati

lascia un commento

tredici − cinque =